Perché la camicia da uomo è fondamentale

Perché la camicia da uomo è fondamentale

Le camicie su misura a Torino sono un capo raffinato che risale a quando una diversificazione tra camicia per uomo e blusa per donna ancora non esisteva.
Sono stati i costumi e il cambiamento delle fogge ad apporre il sigillo di una vestibilità che andasse oltre il genere maschile e al di là dell’uso comune come indumento intimo, da tenere nascosto sotto capi pesanti. La camicia femminile acquisisce maggiore risalto quando i pizzi e i colletti alti e rigidi diventano un imperativo all’impazzare della moda spagnola a gorgiera, capisaldo della nobiltà nel XVI secolo.

Le camicie su misura a Torino come le conosciamo oggi escono alla ribalta dopo gli studi sull’ottenimento di forme più morbide, rilassate su collo e spalle, a controbattere lo stile rigido, meno fluido nei colletti sostenuti da ferretti dei secoli precedenti al periodo Neoclassico. Fioriscono le balze e i merletti che danno il via all’affermarsi di una camicia barocca ricca di volants e fiocchi esibiti. Viene spesso usata fine a sè stessa, senz’altro addosso, per inneggiare alla sensualità del corpo. Per questo è confezionata con tagli e tessuti leggeri ed è sempre candida come la neve e lunga fin oltre le ginocchia.

L’Ottocento, con l’esplosione di una borghesia tesa verso il progresso sociale nel mondo del lavoro, porta all’abito come lo intendiamo ai giorni nostri: il classico completo fatto di giacca, pantalone e camicia sotto al gilet incontra il suo massimo storico e vede prevalere ampi spacchi con intarsi di trine e vistosi ricami.

Non mancano i modelli in cui la forza di questo spirito provocatorio verso la ricchezza di un futuro nuovo è concentrata in un’estetica altezzosa, che assume quasi i contorni di una cura maniacale nei confronti di un’eleganza da “viaggiatore del mondo”, definizione di Lord Brummel. Con lui, la sua verve, la sua raffinatezza, il Settecento viene messo definitivamente in soffitta insieme le tendenze tipiche del secolo: la braca al ginocchio e la camicia lunga a balze scompare per abbracciare una camiciola attuale, da tenere rigorosamente dentro i calzoni lunghi.

Anche la donna entra con eleganza in questo cambiamento epocale: la camicia si bagna del vissuto quotidiano, dei ribaltamenti politici in corso, come il diritto femminile al voto, e la moda interpreta l’esigenza contemporanea di indossare una camicia con disinvoltura. Lo fanno i contadini nei campi con le loro camicie a scacchi, così come gli operai in fabbrica con le loro camicie a maniche corte.

Le camicie su misura a Torino si impongono in nuove forme e tipologie intercambiabili, l’abbottonatura cambia, la linea si adegua alle forme del corpo fino a sagomarlo in modo personalizzato. È l’era moderna.